Ausziehen aus der Immobilie

Asta di divisione in una comunità di eredi: procedura, costi e l’ultima risorsa?

Asta parziale in una comunità di eredi – L’asta parziale è una variante speciale della vendita forzata e viene utilizzata quando più persone hanno la proprietà di una cosa. Si tratta spesso di un appezzamento di terreno o di una proprietà che viene messa all’asta e il ricavato diviso tra i proprietari. Questa situazione si verifica spesso nelle comunità di eredi il cui patrimonio comprende una proprietà o un terreno. In una comunità di eredi, gli eredi condividono la proprietà degli oggetti dell’eredità. Di conseguenza, ognuno può disporre della propria parte, ma dell’intera proprietà solo in accordo con gli altri.

L’asta parziale per comunità di eredi

Oggetti come beni immobili o terreni danno spesso luogo a controversie nelle comunità di eredi. Le idee su come procedere con la proprietà comune sono troppo diverse e i partecipanti non riescono a mettersi d’accordo. Ogni erede ha il diritto di esigere in qualsiasi momento la divisione della comunità degli eredi e quindi forzare il suo scioglimento. In tal caso, un’asta di divisione può essere l’ultima risorsa per risolvere le controversie e sciogliere la comunità degli eredi. Potete scoprire qui cosa bisogna prendere in considerazione in caso di controversia e di un’asta di divisione.

Scopri di più sulle comunità di eredi!

Domanda per l’asta di partizione – è necessario osservare la forma corretta

Una procedura di applicazione precede sempre un’asta di partizione. Questa domanda può essere fatta da qualsiasi erede di una comunità di eredi. Formalmente, una domanda scritta, che deve essere presentata al tribunale distrettuale competente, è sufficiente. Tuttavia, deve essere accompagnato da alcuni documenti. Nella prima domanda, si deve dimostrare al di là di ogni dubbio che il richiedente ha la comproprietà dell’immobile da mettere all’asta. Il documento appropriato è un estratto corrispondente del registro fondiario, che non deve essere più vecchio di sei mesi. Una volta che la domanda è stata ricevuta, viene esaminata dal tribunale distrettuale e vengono avviati i passi successivi.

Asta di partizione e comunità di eredi – Video

La procedura – passo dopo passo per l’asta di partizione

Il processo di un’asta di divisione inizia già con la domanda che uno degli eredi di una comunità di eredi deve presentare al tribunale distrettuale. Seguono altri passi per realizzare l’asta di divisione in conformità con la legge.

La perizia – valutazione del valore della proprietà

Un’asta di divisione richiede una valutazione del valore della proprietà o del terreno. Il tribunale ne ha bisogno per poter determinare l’offerta più bassa per l’asta di divisione. Tale perizia può essere ottenuta in tre modi diversi. Il richiedente può ottenere una valutazione privata, ma l’intera comunità di eredi deve essere d’accordo con questo passo. Un’alternativa è quella di ottenere il rapporto di valutazione attraverso il tribunale. Spesso un rapporto di valutazione è già disponibile. Purché non sia più vecchio di qualche settimana o mese, può essere utilizzato.

L’offerta minima – determinata dal tribunale

Il tribunale fissa una cosiddetta offerta più bassa prima dell’asta di divisione per assicurare che il ricavato dell’asta di divisione possa coprire le spese del procedimento e tutte le richieste degli eredi. Una volta determinato questo, né il valore di mercato né il prezzo di acquisto della proprietà o del terreno sono rilevanti e l’offerta più bassa è considerata il valore fittizio. Si compone dei diritti, dei gravami e degli importi minimi in contanti. La persona che acquista la proprietà o il terreno all’asta di divisione assume tutti i diritti e i gravami oltre all’oggetto e diventa così l’acquirente e il debitore.

L’asta – l’offerta più alta è il vincitore

Una volta che l’offerta più bassa è stata determinata dal tribunale, può essere fissata una data per l’asta di divisione. Successivamente, l’asta di divisione della proprietà o del terreno deve essere pubblicizzata sui giornali e su internet per attirare l’interesse per la proprietà. Gli appuntamenti di visione sono anche possibili in consultazione con la comunità degli eredi. Alla data dell’asta, tutte le parti interessate possono presentare offerte entro un periodo di tempo prestabilito. L’offerta più alta vince la proprietà e la comunità degli eredi può essere divisa.

La durata – varia da caso a caso

La durata di un’asta di partizione varia a seconda del caso. Dipende in particolare da quanto tempo ci vuole per preparare la perizia e da quanto tempo ci vuole per trattare la domanda. Il richiedente può abbreviare la durata solo se ha già a disposizione un rapporto di valutazione al momento del deposito della domanda e il tribunale è d’accordo con il suo utilizzo.

L’esborso – controversia della comunità degli eredi

La comunità degli eredi viene sciolta con successo solo quando i proventi sono stati distribuiti con successo. Anche qui possono sorgere delle controversie. Se il testatore non ha determinato la distribuzione nel testamento, di solito si applicano le quote ereditarie legali. Se gli eredi non sono d’accordo, si può intentare un’azione civile. Il ricavato dell’asta di divisione è depositato presso il tribunale distrettuale e viene pagato solo dopo che gli eredi hanno raggiunto un accordo scritto sulla distribuzione.

I costi – quanto sono alti e chi li sostiene?

Alcuni costi sono sostenuti per un’asta di partizione. Questi includono i costi della domanda, le spese procedurali, gli onorari dell’esperto, gli onorari dell’avvocato e i costi per gli annunci sui giornali e su internet. Tutti questi costi sono sostenuti quando il tribunale ordina un’asta di divisione. Le spese di notifica ai coeredi sono incluse nelle spese della domanda. Di solito le spese del procedimento devono essere pagate come anticipo. Chi sostiene i costi di un’asta di partizione dipende dal risultato dell’asta. Se l’asta ha successo, tutte le spese vengono detratte dal ricavato e quindi ogni erede partecipa equamente alle spese. Tuttavia, se l’asta non ha successo, il richiedente sostiene le spese da solo e la comunità degli eredi continua ad esistere.

Le alternative: vendita privata o asta volontaria

L’asta di partizione comporta alcuni rischi che dovrebbero essere ben ponderati in anticipo. La proprietà potrebbe essere venduta al di sotto del valore e portare a bassi profitti per gli eredi. Ci sono alcune alternative che eliminano questi rischi. La proprietà può essere venduta privatamente, il che fa risparmiare i costi di applicazione, di procedura e legali. Inoltre, gli eredi possono scegliere loro stessi l’acquirente e assicurarsi così che la proprietà non sia venduta sotto il suo valore.

Un’altra alternativa è un’asta volontaria. La comunità degli eredi può rivolgersi a un banditore pubblico che organizza e conduce un’asta. Il vantaggio qui per gli eredi è che l’offerta minima può essere determinata da loro stessi e quindi il pericolo di un’asta sotto il valore non esiste. In entrambi i casi, tuttavia, la comunità degli eredi deve essere d’accordo all’unanimità per la vendita della proprietà.

Le domande più importanti sulle aste di partizione nelle comunità di eredi

Un’asta di divisione può risolvere le controversie all’interno di una comunità di eredi, ma può anche riaccendere le controversie. Per evitare errori e risparmiare tempo, è importante fare i passi giusti. Gli esperti di Lukinski rispondono in dettaglio alle domande più importanti sul tema delle aste di partizione.

Perché un’asta di partizione?

Un’asta di divisione può mettere fine a lunghe dispute, specialmente nelle comunità di eredi, e portare a un risultato con cui tutti gli eredi sono d’accordo. L’asta di partizione offre anche l’ultima risorsa se non si può raggiungere un accordo.

Cosa significa ai fini dello scioglimento della comunità?

L’asta di divisione riesce a sciogliere la comunità al fine di generare un equivalente in denaro divisibile da un oggetto indivisibile come un terreno o una proprietà.

Cos’è un’asta parziale di una casa?

Un’asta parziale si tiene quando diverse persone sono comproprietarie di una proprietà. L’asta parziale trasforma un oggetto indivisibile in una somma di denaro divisibile che può essere divisa tra i proprietari.

Cosa significa § 1010 BGB?

Ai sensi dell’articolo 1010 del codice civile, i comproprietari di un terreno possono fare regolamenti sull’amministrazione o l’uso di un terreno o escludere il diritto di chiedere lo scioglimento della comunità.

Cosa significava ZVG?

L’abbreviazione ZVG sta per Zwangsversteigerungsgesetz. Questo regola sia la vendita forzata che l’amministrazione forzata.

How useful was this post?

Click on a star to rate it!

Average rating 0 / 5. Vote count: 0

No votes so far! Be the first to rate this post.